Per contattarmi: cordialiter@gmail.com


Se il blog ti piace e desideri aiutarmi affinché io possa dedicare il tempo necessario per continuare ad aggiornarlo ogni giorno e rispondere alle e-mail dei lettori, puoi inviarmi una libera donazione. Per info: clicca qui.


giovedì 24 giugno 2021

L'Impero Romano cadde per l'infrollimento del popolo causato dalla lussuria

Il "Bollettino Salesiano" del marzo 1942, in piena Seconda Guerra Mondiale, pubblicò un articolo nel quale, ricordando i soldati che combattevano al fronte, si incoraggiavano i lettori a combattere con ardore la battaglia in difesa della virtù della purezza.


Lettera di Don Giulivo ai giovani

Carissimi,

una delle virtù che la Chiesa vi inculca con maggior fervore è la virtù della purezza.

Voi ne comprendete facilmente la sublimità e l'importanza: si tratta della gemma più preziosa della vostra giovinezza. Nè potreste oggi trovare più valido incoraggiamento a sostenere la lotta necessaria per difendere e conservare «questo candido giglio - come la chiama Don Bosco - questa rosa preziosa, questa perla inestimabile», che pensando all'eroismo con cui i nostri cari soldati si immolano per la tutela e l'incremento della vita della Patria. Anche perchè, colla custodia della purezza, salvando le energie più potenti del vostro organismo nella grazia del Signore, voi concorrete ad assicurare alla Patria quel migliore avvenire per cui essi combattono. Che le servirebbe infatti ingrandire il suo territorio, se domani una gioventù corrotta e viziata ne squalificasse la popolazione? L'Impero Romano, voi ben sapete, non è caduto per l'irruenza dei barbari che l'hanno travolto; ma per l'infrollimento del popolo che aveva sciupato le forze migliori nei vizi. Coraggio adunque: per amore dell'anima vostra, ed anche per amore della vostra famiglia e della Patria, fate di tutto per conservarvi puri. Conservandovi puri, voi diventerete forti. Perchè solo la purezza crea i forti e tempra gli eroi. La corruzione, il vizio potran fare dei violenti perchè fan dei bruti; non mai dei forti. E la fortezza è la virtù decisiva della potenza e della grandezza degli individui e delle nazioni. 

Raccomandatevi all'angelico giovinetto vostro modello [...] Domenico Savio [...]. Egli si era proposto di non tollerare neppure il più piccolo pensiero contrario alla modestia. Onde rifulge e rifulgerà pei secoli nello splendore di un giglio immacolato. 

Il Signore benedica i vostri sforzi generosi e la Vergine Ausiliatrice Immacolata vegli sulla vostra giovinezza. S. Giovanni Bosco la preservi dal contagio della malizia del mondo. 

Vostro aff.mo Don Giulivo